PIOMBINO SCONFITTO E FUORI DALLA COPPA ITALIA

16-09-2016 10:49 -

PIOMBINO. Esce al primo turno dalla Coppa Italia Dilettanti il Piombino di Miano, eliminato dal Roselle. Dopo l´1-1 con il quale si era chiusa allo stadio Magona la gara d´andata lo scorso 4 settembre, i grossetani si sono aggiudicati per 2-1 il ritorno, proseguendo il cammino in direzione del secondo turno. Resta il doppio rammarico di essersi fatti raggiungere sul pari allo scadere nel primo confronto, e di non essere riusciti a tenere il vantaggio neppure mercoledì a Follonica, dopo il gol di Tommaso Rocchiccioli in apertura di match.
Il difensore piombinese ha segnato al 7´ del primo tempo buttando in rete l´assist su punizione calciata da Poggi. Sono bastati pochi minuti al Roselle per rimettere in equilibrio l´incontro: al 13´ Vento ha pareggiato i conti, per raddoppiare in avvio di ripresa. «È stata una partita equilibrata condizionata dagli episodi – il commento dell´allenatore nerazzurro, Miano – Sono stata però bravi i ragazzi a tenere sempre in bilico il risultato e alla fine avremmo potuto beneficiare di un calcio di rigore per atterramento in area su Catalano, ma il direttore di gara non ha fischiato il fallo. Pazienza - continua il tecnico del Piombino - Dispiace uscire dalla Coppa, ambito nel quale avrebbero potuto giocare quei ragazzi che solitamente trovano meno spazio in campionato. Proprio mercoledì siamo infatti entrati in campo con diversi under, compresi Favilli, Cecchini e Barbieri, com´era giusto che fosse dopo un mese e mezzo di preparazione. Sono contento, perché hanno dimostrato di avere carattere e qualità». Un doppio confronto sul filo dell´equilibrio quello andato in scena al primo turno di Coppa tra Piombino e Roselle, quest´ultimo neo-promosso ma già capace di esibire un organico di livello, in grado di impensierire qualsiasi avversario. «Noi abbiamo giocato con parecchi giovani - spiega Miano - mentre il Roselle aveva come assenza soltanto Consonni. A ogni modo, le due gare sono state equilibrate, il risultato sul
campo dice che loro hanno meritato e va bene così. Il calcio è però questo e va accettato. Avremmo potuto passare il turno, non ci siamo riusciti, e adesso dobbiamo archiviare la delusione della Coppa e pensare alla prossima partita di campionato che prevede la difficile trasferta di Larciano».


Fonte: Il Tirreno