IL SEGRETO DEL PIOMBINO? IL PREPARATORE ATLETICO ANDREA DEL GAUDIO

15-02-2017 10:30 -

PIOMBINO. Vola in alto e sogna obiettivi insperati all´inizio della stagione il Piombino di Sebastiano Miano, che con la vittoria contro il Gambassi consolida il terzo posto, rosicchiando un paio di punti alla capolista Roselle. Adesso sono 6 le lunghezze tra i nerazzurri e i confronti dei grossetani, quattro quelle di svantaggio sul Seravezza, secondo classificato. Raggiunto ormai il traguardo dei 40 punti, con relativa salvezza, il Piombino può ora godersi il momento di grazia che sta attraversando, puntando verso obiettivi decisamente non previsti a inizio stagione. Uno degli artefici dello squadrone che sta dando spettacolo nel campionato di Eccellenza è Andrea Del Gaudio, preparatore atletico dei nerazzurri, considerato da più parti fondamentale sia in chiave atletica che sotto l´aspetto della coesione del gruppo. Sua e di Miano, ad esempio, è l´idea di fare un allenamento pre-partita la domenica mattina prima del pranzo. Un modo di attivare la componente muscolare a essere pronta per la partita del pomeriggio.
E ancora, Del Gaudio è sempre quello che all´inizio dell´anno, dopo le prime giornate storte del Piombino, prese una lavagna sulla quale scrisse "40", i punti da dover raggiungere, dapprima un miraggio, poi sempre più realtà. Venturinese di 37 anni, Del Gaudio di prima professione fa l´osteopata e ha un passato da preparatore in serie D al Gavorrano, ambiente nel quale ha conosciuto Miano.
«Quando ha iniziato la sua avventura da allenatore, Sebastiano mi ha chiamato per dargli una mano - racconta Del Gaudio - Mi sono detto "riproviamo" ed eccomi qua. Il mio lavoro principale è in studio, come osteopata, ma il campo mi mancava, inutile negarlo. In una squadra io sono la figura più antipatica, quello che non fa toccare il pallone ai giocatori, ma che lavora su forza, resistenza, scatti e così via. Quando però si sente parlare di un gruppo fantastico è la verità - prosegue Del Gaudio - Un gruppo di ragazzi disponibili, che lavorano con sacrificio e dedizione. E adesso? Beh, raggiunti i 40 punti che facciamo? Stiamo fermi e viviamo in un limbo sino alla fine del campionato? No davvero. Adesso guardiamo avanti. Come minimo io voglio fare i playoff anche se, quando sono arrivato a Piombino la scorsa estate, ho subito detto di voler vincere il campionato. Ovviamente, no? Torno a fare il preparatore atletico e punto al massimo obiettivo, nella speranza che le squadre che ci precedono rallentino un po´». Anima dell´ambiente nerazzurro, Del Gaudio è un trascinatore, la motivazione
fatta persona, sfiorata da una vena di imprevedibilità che spiazza. «A fine anno smetto - dice - Ho trovato un ambiente stupendo, mi trovo benissimo con i ragazzi, la società, tutto lo staff; ma magari smetto, e torno a fare il preparatore in campo fra altri cinque anni».

Francesca Lenzi


Fonte: Il Tirreno