DI TONNO: "CI ABBIAMO PROVATO, E´ ANDATA MALE"

10-11-2015 21:30 -

PIOMBINO. Vincere, vincere, vincere. L´aveva detto a chiare lettere, per tre volte di fila, il direttore generale del Piombino, Enzo Madau, alla vigilia della gara casalinga contro la Larcianese. Nessuna scusa sarebbe più stata valida in un campionato che sta assumendo contorni preoccupanti, con i piombinesi in fondo alla classifica del girone A dell´Eccellenza. Così non è stato. La vittoria scacciacrisi non è arrivata, bensì un pareggino a reti inviolate che muove appena la classifica (l´Albinia, al successo contro San Gimignano, si stacca dall´ultimo posto, ricoperto in solitaria dal Forcoli, sconfitto dal Marina La Portuale). In penultima posizione, con 7 punti in nove giornate, il Piombino continua a non vincere in casa, dove ha raccolto finora due sconfitte e due pareggi. Lo 0-0 con il quale si è chiuso il match di ieri contro la Larcianese, se è vero che muove la classifica, non rappresenta un risultato soddisfacente per la situazione dei nerazzurri.
Ne è consapevole l´allenatore, Tiziano Di Tonno, che tuttavia cerca di prendere il lato positivo del pareggio: «Che dire? È andata male perché abbiamo pareggiato quando avremmo voluto vincere - afferma il tecnico nerazzurro - In questo senso il risultato non è pienamente positivo, anche se era importante muovere la classifica». Inizia a diventare pesante l´assenza di vittorie in campionato (l´unica conquistata in trasferta sul campo del Marina La Portuale), soprattutto davanti al proprio pubblico: «Ci abbiamo provato ma non ci siamo riusciti - sostiene Di Tonno - Bravi i giocatori della Larcianese. Come giudico il gioco della mia squadra? Beh, credo che la prestazione ci sia stata, ma conta il risultato, solo quello. Cosa non abbia funzionato lo analizzeremo in settimana; intanto sarà fondamentale dare continuità ai risultati».
Mediamente soddisfatto l´allenatore della Larcianese, che raccoglie un punto in trasferta, continuando a gravitare nella parte medio-alta del girone. «Non è stata una
bella partita - commenta mister Petroni - Avevo diversi giovani in campo a causa di alcune assenze, e il campo non permetteva di giocare a pallone. Credo che il Piombino abbia fatto bene, anche meglio di noi sul piano del gioco, ma rischi concreti ne abbiamo corsi pochi».

Fonte: Il Tirreno